Parto in acqua Chieti

Il parto puo', se richiesto, essere fatto in acqua. Dovrebbe rendere il travaglio piu tranquillo e meno doloroso per la gestante. Viene eseguita in una piccola piscina con la temperatura dell'acqua tra I 25 e I 30 gradi. Per maggiori informazioni consulta la lista delle struttuture che dispongono della sala parto a Chieti.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Quirino Di Nisio
(087) 156-5121
Via Troiso 4
Chieti
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Mirta Sciocchetti
(087) 156-0872
Via Bellini Vincenzo 63
Chieti
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Maria Antonietta Baldini
(087) 156-5121
Via Troiso 4
Chieti
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Annarita Frullini
085691671
Viale Marconi Guglielmo 136
Pescara
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Donato Cirotti
08566577
Via Croce Benedetto 197
Pescara
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Luciano Giacci
087166766
Via Madonna Degli Angeli 1
Chieti
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Guido Bondi
(087) 133-1633
Viale Gran Sasso 131
Chieti
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Loredana Verticelli
085297273
Via Pisa 6
Pescara
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Nicolina Fiore
(085) 422-3732
Viale Bovio Giovanni 163
Pescara
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Anna Cavallero
(085) 422-1458
Via Parini Giuseppe 14
Pescara
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Parto in acqua

In Italia il parto in acqua viene praticato o da chi decide di partorire a casa oppure presso alcune strutture private.
Negli ultimi anni anche strutture ospedaliere pubbliche hanno introdotto questa modalità di partorire.

Il travaglio e il parto avvengono di solito in una piccola piscina con acqua tra i 25 e i 30 gradi.
Le condizioni del feto vengono monitorate attraverso un rilevatore subacqueo posto sul ventre materno.


Il piccolo appena nasce rimane per qualche secondo sott'acqua per poi emergere ed iniziare così a respirare.


Per le mamme alle prime armi il parto diventa piu' 'dolce' se si comincia in acqua.
Secondo uno studio britannico, infatti, il ricorso alla piscina anche solo nella prima fase del parto riduce la necessita' dell'epidurale.
E questo senza che sia poi necessario far nascere il bebe' in acqua.
Gli studiosi dell'Universita' di Southampton hanno confrontato due gruppi di donne alla prima gravidanza con un parto lento...
Continua a leggere in mamma.it

© Mamma.it - on line dal 2000. Tutti i diritti riservati. Mamma.it ™ è un marchio registrato.
Testata iscritta al Tribunale di Parma n. 02/2004
Ultimo aggiornamento 24.04.2010
Sito sviluppato da Mavilab. Per informazioni info@mamma.it
Avvertenze del sito - Privacy