Il pianto Roma

Il pianto e' l'unico modo per il neonato per comunicare. Esprime fame, malessere o voglia di attenzioni. Ci sono diversi tipi di pianto, cambia in base alla tonalita', durata e pause. E' molto importante per i genitori capire le necessita' del neonato. Per maggiori informazioni consulta la lista di centri dei assistenza a Roma.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Roberto Russo
(068) 621-1391
Via Di S. Crescenziano 48
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Alessandra Grassi
(068) 620-0607
Via Di Trasone 21
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Massimo Moscarini
(068) 621-8047
Via Asmara 16
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Domenico Enea
(064) 424-9954
Via Lancisi Giovanni Maria 31
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Daniela Carnovale
(063) 972-1162
Via Otranto 36
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Michelina Vitagliano
(068) 864-3780
Via Conca D'oro 289
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Claudia Madami
Via Cleonia 30
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Mario Longo
065136423
Via Federici Cesare 2/sc.b
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Antonio Colicchia
068552190
Viale Liegi 14
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Paola Marina Risi
(064) 424-9955
Via Lancisi Giovanni Maria 31
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Il pianto

Il pianto è l'unico strumento che il bambino ha per comunicarti quello che vuole, quello che sente, quello che gli piace o non gli piace.
Cerca di imparare a capire perché piange: all'inizio sarà difficile, ma procedendo per tentativi imparerai presto ad anticipare le sue esigenze e a trovare i rimedi opportuni per placarlo.

La durata media giornaliera del pianto è di 1 ora e ¾ nelle prime 2 settimane di vita, di 2 ore e ¼ dalla seconda alla quarta settimana di vita, di 2 ore - 2 ore e ¾ durante il secondo mese e di 1 - 2 ore dal secondo al terzo mese di vita.

Per interpretare nel modo giusto questo particolare linguaggio occorre prestare attenzione ad alcune sue caratteristiche. Si è cercato a lungo di scoprire se esistono caratteristiche specifiche che contraddistinguono il pianto in base alle sue cause ed è stata tentata una classificazione generale in base a:


Tonalità


Se si mantiene costante nel tempo oppure diminuisce per poi aumentare (pianto in crescendo) può essere segno di un disturbo da valutare con l'ausilio di un pediatra; se diminuisce o aumenta per poi diminuire (pianto in decrescendo) non deve destare nessuna preoccupazione.


Pause


Se il bambino smette di piangere per riprendere fiato, in genere si tratta di un pianto da fame; se tra gli strilli c'è una fase di silenzio di circa 2 secondi è possibile che gli faccia male qualcosa.


Età del bambino...
Continua a leggere in mamma.it

© Mamma.it - on line dal 2000. Tutti i diritti riservati. Mamma.it ™ è un marchio registrato.
Testata iscritta al Tribunale di Parma n. 02/2004
Ultimo aggiornamento 24.04.2010
Sito sviluppato da Mavilab. Per informazioni info@mamma.it
Avvertenze del sito - Privacy