Dormire con i genitori Siena

I bambini spesso vogliono dormire con I genitori, soprattutto con la mamma. I genitori, pero', devono imparare che il bamibino deve imparare a dormire da solo, per il suo bene. Il bambino, dormendo da solo, diventa piu' facilmente indipendente. Per maggiori informazioni consulta la lista dei centri di assistenza a Siena.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Francesco Comodo
(057) 722-3636
Via Veneto 41
Siena
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Maria Grazia Ricci
057748526
Viale Cavour Camillo Benso 122
Siena
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Paola Pomponi
(058) 680-8278
Via Roma 85
Livorno
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Maria Pia Maresi
(058) 621-1313
Scali D'azeglio 20
Livorno
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Giuseppe Mazzullo
(056) 441-7257
Piazza S. Michele 3
Grosseto
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Giuseppe Cito
(057) 728-6133
Il Campo 78
Siena
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Giovanni Centini
(057) 728-8879
Via Tozzi Federico 7
Siena
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Carlo Penna
055359888
Via Delle Porte Nuove 20
Firenze
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Tommaso Susini
055572662
Via Modena Gustavo 10
Firenze
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Sergio Brachi
057433100
Via Gobetti Piero 59
Prato
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Dormire con i genitori

Non sono mai stati fatti sondaggi, ma è facile immaginare quanto siano numerose le coppie che, qualche tempo dopo la nascita del bambino, finiscono col trascorrere in tre le notti nel lettone.
Il letto di mamma e papà esercita da sempre sui bambini un'attrazione particolare, perché il contatto fisico dà gioia e conforto, li fa sentire sicuri, annulla il senso della solitudine e l'ansia da separazione.

Ma se il piccolo è felice, non è detto che lo siano anche i genitori.

Prima di tutto, almeno di notte, uno vorrebbe starsene in pace.

Invece il bambino, soprattutto intorno ai due anni, a letto è tutt'altro che tranquillo: si agita, tira calci, si appropria del cuscino, si mette in orizzontale.

Risultato: notti in bianco, oppure il trasloco di qualcuno, in genere del papà in un'altra camera.

Ma anche quando tutto sembra andare per il meglio e la mamma è contenta di tenere il proprio cucciolo accanto a sé, questa non è la scelta migliore per il bambino.

Per crescere bene il piccolo, maschio o femmina che sia, deve imparare che non può avere la mamma tutta per sé. Deve sentire che i suoi genitori hanno una vita privata e costituiscono una coppia, sono uniti e solidali...
Continua a leggere in mamma.it

© Mamma.it - on line dal 2000. Tutti i diritti riservati. Mamma.it ™ è un marchio registrato.
Testata iscritta al Tribunale di Parma n. 02/2004
Ultimo aggiornamento 24.04.2010
Sito sviluppato da Mavilab. Per informazioni info@mamma.it
Avvertenze del sito - Privacy