Dormire con i genitori Roma

I bambini spesso vogliono dormire con I genitori, soprattutto con la mamma. I genitori, pero', devono imparare che il bamibino deve imparare a dormire da solo, per il suo bene. Il bambino, dormendo da solo, diventa piu' facilmente indipendente. Per maggiori informazioni consulta la lista dei centri di assistenza a Roma.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Massimo Musenga
(068) 718-3623
Via Pratomagno 18
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Francesco Sacco
063612005
Via Gramsci Antonio 42/a
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Nadia Nesta
065349640
Via Di Donna Olimpia 97
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Elisabetta Amato
065133335
Via Della Villa Di Lucina 67
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Duilio Paoletti
065586796
Piazza Della Radio 40
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Massimo Moscarini
(068) 621-8047
Via Asmara 16
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Enrico Santuari
063700622
Via Morin Costantino 45
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Emilio Moreschi
06763097
Via Ponzio Cominio 29
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Cesare Aragona
068415792
Via Tagliamento 55
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Massimo Alibrandi
067883655
Via Appia Nuova 436
Roma
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Dormire con i genitori

Non sono mai stati fatti sondaggi, ma è facile immaginare quanto siano numerose le coppie che, qualche tempo dopo la nascita del bambino, finiscono col trascorrere in tre le notti nel lettone.
Il letto di mamma e papà esercita da sempre sui bambini un'attrazione particolare, perché il contatto fisico dà gioia e conforto, li fa sentire sicuri, annulla il senso della solitudine e l'ansia da separazione.

Ma se il piccolo è felice, non è detto che lo siano anche i genitori.

Prima di tutto, almeno di notte, uno vorrebbe starsene in pace.

Invece il bambino, soprattutto intorno ai due anni, a letto è tutt'altro che tranquillo: si agita, tira calci, si appropria del cuscino, si mette in orizzontale.

Risultato: notti in bianco, oppure il trasloco di qualcuno, in genere del papà in un'altra camera.

Ma anche quando tutto sembra andare per il meglio e la mamma è contenta di tenere il proprio cucciolo accanto a sé, questa non è la scelta migliore per il bambino.

Per crescere bene il piccolo, maschio o femmina che sia, deve imparare che non può avere la mamma tutta per sé. Deve sentire che i suoi genitori hanno una vita privata e costituiscono una coppia, sono uniti e solidali...
Continua a leggere in mamma.it

© Mamma.it - on line dal 2000. Tutti i diritti riservati. Mamma.it ™ è un marchio registrato.
Testata iscritta al Tribunale di Parma n. 02/2004
Ultimo aggiornamento 24.04.2010
Sito sviluppato da Mavilab. Per informazioni info@mamma.it
Avvertenze del sito - Privacy