Dormire con i genitori Rieti

I bambini spesso vogliono dormire con I genitori, soprattutto con la mamma. I genitori, pero', devono imparare che il bamibino deve imparare a dormire da solo, per il suo bene. Il bambino, dormendo da solo, diventa piu' facilmente indipendente. Per maggiori informazioni consulta la lista dei centri di assistenza a Rieti.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Attilio Mozzetti
(074) 648-2328
Via Flavio Sabino 5
Rieti
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Daniela Bucari
(074) 648-2535
Via Fundania
Rieti
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Anna Rita Muti
(074) 442-8352
Viale Guglielmi C. 27
Terni
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Salvatore Girardi
(074) 442-4000
Viale Oberdan Gugliemo 23
Terni
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Andrea Giovanni Bremzay
(074) 440-8080
Viale Rinascita 10
Terni
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Riccardo De Angelis
(074) 629-7995
Piazza Angelucci A. 14
Rieti
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Elio Giuseppe Fabbro
(074) 649-8600
Via Orchidee 2/b
Rieti
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Roberto Spano'
(074) 440-0300
Piazza Dalmazia 34
Terni
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Laura Donati
(074) 443-2340
Via Roma 172
Terni
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Pier Giuseppe Rossini
(074) 440-7277
Via Cavour Camillo Benso 14
Terni
Specializzazione
Ginecologo

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Dormire con i genitori

Non sono mai stati fatti sondaggi, ma è facile immaginare quanto siano numerose le coppie che, qualche tempo dopo la nascita del bambino, finiscono col trascorrere in tre le notti nel lettone.
Il letto di mamma e papà esercita da sempre sui bambini un'attrazione particolare, perché il contatto fisico dà gioia e conforto, li fa sentire sicuri, annulla il senso della solitudine e l'ansia da separazione.

Ma se il piccolo è felice, non è detto che lo siano anche i genitori.

Prima di tutto, almeno di notte, uno vorrebbe starsene in pace.

Invece il bambino, soprattutto intorno ai due anni, a letto è tutt'altro che tranquillo: si agita, tira calci, si appropria del cuscino, si mette in orizzontale.

Risultato: notti in bianco, oppure il trasloco di qualcuno, in genere del papà in un'altra camera.

Ma anche quando tutto sembra andare per il meglio e la mamma è contenta di tenere il proprio cucciolo accanto a sé, questa non è la scelta migliore per il bambino.

Per crescere bene il piccolo, maschio o femmina che sia, deve imparare che non può avere la mamma tutta per sé. Deve sentire che i suoi genitori hanno una vita privata e costituiscono una coppia, sono uniti e solidali...
Continua a leggere in mamma.it

© Mamma.it - on line dal 2000. Tutti i diritti riservati. Mamma.it ™ è un marchio registrato.
Testata iscritta al Tribunale di Parma n. 02/2004
Ultimo aggiornamento 24.04.2010
Sito sviluppato da Mavilab. Per informazioni info@mamma.it
Avvertenze del sito - Privacy