Dimissioni della madre Viterbo

La madre e il padre hanno la possibilita' di dare le dimissioni dal lavoro senza preavviso. Devono essere accettate nel periodo comprensivo tra il concepimento e il compimento del primo anno di vita del neonato. Per maggiori informazioni consulta la lista degli avvocati specializzati a Viterbo.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Boni Avv. Massimo
(076) 136-0033
v. Cardarelli 6
Viterbo

Informazione fornita da
Studio Legale Ranucci Di Ranucci Avv. Anna Maria
(076) 134-1129
v. M. Santissima Liberatrice 17
Viterbo

Informazione fornita da
Leonardi Avv. Roberta
(076) 125-1667
v. Pacinotti 5
Viterbo

Informazione fornita da
Studio Legale Associato Polacchi Baccelli Sini
(076) 130-5632
v. Garbini 84/g
Viterbo

Informazione fornita da
Tosini Avv. Mauro Studio Legale
(076) 122-6568
v. Garbini 82
Viterbo

Informazione fornita da
Studio Legale Merlani Marina
(076) 122-0617
v. Cassia Sud 3
Viterbo

Informazione fornita da
Saveri Avv. Daniele
(076) 134-6374
v. Cava 48
Viterbo

Informazione fornita da
Marziali Avv. Pietro
328 8367794 0761 223599
v. Marconi 17
Viterbo

Informazione fornita da
Amantini Avv. Donatella
339 2233733 0761 340677
p. Crispi 8
Viterbo

Informazione fornita da
Avv. Roberto Alabiso
(076) 125-4474
v. Pacinotti 5
Viterbo

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Dimissioni della madre

Il Ministero del Lavoro comunica l'istituzione di un modello di dichiarazione di convalida delle dimissioni delle lavoratrici madri denominato "dichiarazione della lavoratrice madre/lavoratore padre dimissionari".
La convalida delle dimissioni è una procedura espressamente prevista dalla legge per dare efficacia alle dimissioni presentate dalle lavoratrici madri durante il periodo in cui vige il divieto di licenziamento cioè:


- dall'inizio della gravidanza


- fino al compimento del primo anno di età del bambino, anche in caso di adozione



Al fine di accertare la spontaneità delle dimissioni da convalidare, il ministero del Lavoro ribadisce, - in conformità a quanto previsto nella lettera circolare prot. n. 25/I/0007001 del 4 giugno 2007 - la necessità di procedere a un colloquio diretto con la lavoratrice o il lavoratore interessato, che devono presentarsi personalmente presso la competente Direzione provinciale del lavoro...
Continua a leggere in mamma.it

© Mamma.it - on line dal 2000. Tutti i diritti riservati. Mamma.it ™ è un marchio registrato.
Testata iscritta al Tribunale di Parma n. 02/2004
Ultimo aggiornamento 24.04.2010
Sito sviluppato da Mavilab. Per informazioni info@mamma.it
Avvertenze del sito - Privacy