Antiepatite virale B Verbania

L'antiepatite virale B e' un vaccino che viene somministrato obbligatoriamente non solo ai neonati, ma anche ad adolescenti e adulti. Viene somministrato tre volte nell'arco di qualche mese. In rari casi ci sono delle reazioni piu' o meno lievi. Per maggiori informazioni consulta la lista di strutture che dispongono dei vaccini a Verbania.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Danilo Mario Molla
Via Bernascone 19
Varese
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Carmelo Sardo Infirri
Piazza Carducci 2
Varese
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Emanuela Rastelli
Viale Belforte 66
Varese
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Adriano Goitan
Via Mercantini 19
Varese
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Rita Magni
Via Manin 30
Varese
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Andreino Pirola
Via Amendola 14
Varese
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Giulio Corgatelli
Via Dora 12
Varese
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Marco Vitali
Via Ravasi 17
Varese
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Sergio Chironi
Via Monterosa 7
Varese
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Filippo Bianchetti
Via Puccini 15
Varese
Specializzazione
Medico di base

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Antiepatite virale B

La malattia
Il virus dell'epatite B (HBV) è trasmesso da una persona all'altra col sangue e con i fluidi corporei. Si diffonde attraverso i contatti sessuali o l'uso di iniezioni di droghe, anche se una parte delle persone che si sono infettate, circa il 30%, non ha fattori di rischio noti. È anche trasmessa ai neonati dalle madri infette. L'infezione colpisce in particolare il fegato.

I sintomi della malattia acuta da HBV variano e possono comprendere perdita di appetito, affaticamento, nausea, ittero (colore giallo degli occhi e della pelle), dolore alle articolazioni e rash cutaneo. Più della metà di questi bambini infetti non mostra segni o sintomi, anche se possono diventare portatori cronici e possono sviluppare una malattia del fegato o il tumore del fegato, più tardivamente (di solito verso i 40 anni). Più giovane è il paziente quando acquisisce la malattia, più è probabile che sviluppi una malattia cronica del fegato o il tumore. Circa il 90% dei bambini che sono infettati dalla loro madre e dal 30% al 50% di quelli che si infettano all'età di 5 anni diventano portatori cronici dell'HBV, mentre le persone che si infettano da adulti hanno soltanto un 6-10% di rischio di infezione cronica...
Continua a leggere in mamma.it

© Mamma.it - on line dal 2000. Tutti i diritti riservati. Mamma.it ™ è un marchio registrato.
Testata iscritta al Tribunale di Parma n. 02/2004
Ultimo aggiornamento 24.04.2010
Sito sviluppato da Mavilab. Per informazioni info@mamma.it
Avvertenze del sito - Privacy