Antiepatite virale B Foggia

L'antiepatite virale B e' un vaccino che viene somministrato obbligatoriamente non solo ai neonati, ma anche ad adolescenti e adulti. Viene somministrato tre volte nell'arco di qualche mese. In rari casi ci sono delle reazioni piu' o meno lievi. Per maggiori informazioni consulta la lista di strutture che dispongono dei vaccini a Foggia.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Giovanni Di Miscia
08323156
Via Parini Giuseppe 19
Lecce

Informazione fornita da
Cirulli Dr. Nunzio
(080) 509-3504
v. Che Guevara 1
Bari

Informazione fornita da
Casa Di Cura Villa Bianca
(083) 223-3311
v. Leuca 133
Lecce

Informazione fornita da
Dr. Cosimo Corliano'
(083) 234-8913
v. 95 Rgt. Fanteria 78
Lecce

Informazione fornita da
Istituto Santa Chiara Srl
0832 348383 0836 589432
v. Cicolella 3
Lecce

Informazione fornita da
Dr. Angelo Galeandro
(099) 732-3441
v. Plateja 55/a
Taranto

Informazione fornita da
Villa Giovanna Srl
(080) 534-8787
v. Puccini 6
Bari

Informazione fornita da
Boeri Dr. Alberto
(080) 524-2867
v. Manzoni 190
Bari

Informazione fornita da
Corvasce Dr. Antonio
(088) 353-4731
v. Murge 65
Bari

Informazione fornita da
Pro.Andros Srl
(088) 353-4731
v. Murge 65
Bari

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Antiepatite virale B

La malattia
Il virus dell'epatite B (HBV) è trasmesso da una persona all'altra col sangue e con i fluidi corporei. Si diffonde attraverso i contatti sessuali o l'uso di iniezioni di droghe, anche se una parte delle persone che si sono infettate, circa il 30%, non ha fattori di rischio noti. È anche trasmessa ai neonati dalle madri infette. L'infezione colpisce in particolare il fegato.

I sintomi della malattia acuta da HBV variano e possono comprendere perdita di appetito, affaticamento, nausea, ittero (colore giallo degli occhi e della pelle), dolore alle articolazioni e rash cutaneo. Più della metà di questi bambini infetti non mostra segni o sintomi, anche se possono diventare portatori cronici e possono sviluppare una malattia del fegato o il tumore del fegato, più tardivamente (di solito verso i 40 anni). Più giovane è il paziente quando acquisisce la malattia, più è probabile che sviluppi una malattia cronica del fegato o il tumore. Circa il 90% dei bambini che sono infettati dalla loro madre e dal 30% al 50% di quelli che si infettano all'età di 5 anni diventano portatori cronici dell'HBV, mentre le persone che si infettano da adulti hanno soltanto un 6-10% di rischio di infezione cronica...
Continua a leggere in mamma.it

© Mamma.it - on line dal 2000. Tutti i diritti riservati. Mamma.it ™ è un marchio registrato.
Testata iscritta al Tribunale di Parma n. 02/2004
Ultimo aggiornamento 24.04.2010
Sito sviluppato da Mavilab. Per informazioni info@mamma.it
Avvertenze del sito - Privacy