Allergia in gravidanza Roma

La donna incinta deve cercare di usare meno medicine possibili. Anche in caso di allergie cutanee non deve usare troppe medicazioni. Non si e' ancora pero' sicuri della connessione tra questi medicinali e le malformazioni del feto. Per maggiori informazioni consulta la lista dei centri di assistenza a Roma.

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Andrea Campi
Roma
Specializzazione
Ortopedico
Struttura
San Giovanni Addolorata Ortopedia 2

Informazione fornita da
Stefania Bucher
03737036311
Roma
Specializzazione
Chirurgo plastico
Struttura
Istituto San Gallicano

Informazione fornita da
Giuseppina Ingegno
(065) 235-8264
Via Poggio Di Acilia
Roma
Specializzazione
Neuropsichiatra infantile
Struttura
Asl Rmd

Informazione fornita da
Giuseppe Pietro Di Lorenzo
(068) 621-1594
Via Orvinio 15
Roma
Specializzazione
Medico interno, Infettivologo

Informazione fornita da
Francesca Maccioni
06862751
Via Di Villa Massimo 48
Roma
Specializzazione
Radiodiagnostica
Struttura
Universit1a Sapienza Di Roma

Informazione fornita da
R F Pastore
(064) 424-3138
Via Morgagni 35
Roma
Specializzazione
Radiodiagnostica

Informazione fornita da
Michele Gallucci
(062) 254-1521
Roma
Specializzazione
Urologo
Struttura
Istituto Dei Tumori Regina Elena

Informazione fornita da
Andrea Levi Della Vida
Roma
Specializzazione
Medico interno
Struttura
Ospedale S. Camillo Forlanini

Informazione fornita da
V Marchese
0633581
Via Cassia
Roma
Specializzazione
Chirurgo
Struttura
Ospedale Fatebenefratelli Villa San Pietro

Informazione fornita da
Paolo Partipilo
06536447
Via Jenner 45
Roma
Specializzazione
Otorinolaringoiatra
Struttura
Ospedale Banbin Ges1u

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Allergia in gravidanza

La terapia delle malattie cutanee allergiche in gravidanza avviene preferenzialmente per via topica, poiché numerosi dermatologi ed allergologi preferiscono migliorare, risolvere o controllare la sintomatologia utilizzando poche applicazioni di composti topici, rappresentati principalmente da corticosteroidi, prevalentemente in corso di dermatiti allergiche da contatto, eczemi disidrosici, dermatite atopica, quando la patologia non interessa estese aree cutanee.

Tutti i corticosteroidi topici infatti possono potenzialmente provocare una soppressione dell'asse ipotalamo -ipofisi-surrene: questa evenienza dipende principalmente dall'assorbimento percutaneo del composto.


Vi sono poi dei fattori che influenzano l'assorbimento sistemico del preparato: la potenza anti-infiammatoria del composto, frequenza e modalità di applicazione (libera o in occlusiva, cioè con bendaggio), quantità applicata, penetrazione cutanea, ecc.. tutti fattori che lo specialista deve valutare adeguatamente.


Per le forme cutanee il trattamento con i corticosteroidi sistemici va pertanto riservato soltanto alle gravi allergie cutanee da farmaci (sindrome orticaria-angioedema, eruzioni cutanee e tossidermie generalizzate).


Molte patologie cutanee di origine allergica, quali la dermatite atopica, la dermatite da contatto, e l'orticaria cronica possono subire un peggioramento durante la gravidanza e sono accompagnate quasi sempre da un'intensa sintomatologia pruriginosa...
Continua a leggere in mamma.it

© Mamma.it - on line dal 2000. Tutti i diritti riservati. Mamma.it ™ è un marchio registrato.
Testata iscritta al Tribunale di Parma n. 02/2004
Ultimo aggiornamento 24.04.2010
Sito sviluppato da Mavilab. Per informazioni info@mamma.it
Avvertenze del sito - Privacy